venerdì 9 luglio 2010

I benefici del cioccolato

Foto di Alessandra Cenci
Si è pensato per molto tempo che il cioccolato facesse ingrassare o al minimo facesse venire i brufoli. In realtà, non solo per le antiche popolazioni dei Maya e degli Atzechi lo consideravano un cibo sacro, indispensabile e salutare tanto è che il nome scientifico del cacao datogli da Linneo è Theobroma Cacao, ossia bevanda degli dei, ma dalle più recenti scoperte, il cacao avrebbe delle virtù salutari vere e proprie.
Una ricerca ha dimostrato che il consumo dei composti del cacao può portare diversi benefici all'apparato circolatorio, inclusi miglioramenti del flusso di sangue al cervello e all'apparato cardiovascolare.
La ricerca è stata pubblicata nel Journal of Cardiovascular Pharmacology in un articolo che evidenzia i potenziali benefìci per la salute del cacao, ricco di flavoni (appartenenti alla classe dei bioflavonoidi, detti anche vitamina C2 o vitamina P).
In un precedente studio si è dimostrato che il consumo continuo di cacao può proteggere da ictus ed attacchi cardiaci in quanto grazie agli effetti dei flavoni, migliora la circolazione venosa, ed inoltre l’effetto protettivo che il cacao esercita sul cuore è addirittura doppio rispetto a quello provocato dal vino rosso.
Un altro studio condotto nell’Università della Pennsylvania ha dimostrato che introducendo nella dieta dai venti grammi di polvere di cacao si ottiene un aumento del colesterolo “buono” HDL a discapito del colesterolo “cattivo” LDL. Questo effetto era dose dipendente, ed aumentava arrivando ai quaranta grammi di cacao. Il motivo è da attribuire alle sue proprietà anti-ossidanti.
E’ risaputo che il cioccolato migliora il tono dell’umore, in quanto contiene la feniletilendiammina, un oppiaceo che è un precursore della serotonina, la sostanza che il nostro cervello produce quando siamo innamorati; per questo motivo molte persone dopo aver mangiato il cioccolato avvertono un senso di appagamento.
Andando a studiare i benefìci riscontrati nelle popolazioni che consumano alte quantità di cacao in una popolazione indiana (i Kuna) di un'isola di Panama, si è riscontrata un' insolita assenza di disturbi legati all'invecchiamento: ipertensione, cancro, diabete e malattie cardiache, nostante l'elevato consumo di sale, paragonabile a quello delle società occidentali. Gli studiosi hanno condotto un'indagine per verificare il tipo di alimentazione. Il dato più appariscente è stato l'elevato consumo di cacao, facendo ritenere che ci sia un collegamento fra l'abituale consumo dell'alimento e la loro bassa incidenza di malattie cardiache.
Per ottenere questi benefici, bisognerebbe mangiare il cioccolato fondente ad elevata concentrazione di cacao, maggiore del 70%. Purtroppo la maggior parte di cioccolato che si trova in commercio, contiene ben poco cacao, molti zuccheri raffinati e grassi ed infine lecitina di soia che potrebbe provenire da coltivazioni geneticamente modificate. Per questo consiglio di acquistarlo ad alto contenuto di cacao con zucchero di canna grezzo al posto dello zucchero raffinato e preferibilmente nei negozi biologici.

Nessun commento:

Posta un commento