domenica 12 febbraio 2012

Dal 1 capitolo del libro "La Vita che Vuoi" Ed. Darwin

ORA HAI LA CONSAPEVOLEZZA CHE PUOI FIORIRE ANCHE NEL DESERTO
Foto di Alessandra Cenci - Deserto della Namibia

Ecco una sorpresa per i lettori del mio blog, in anteprima le prime due pagine del mio libro!

Cap1- Prepararsi a vivere una vera e propria trasformazione

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel Mondo
                                                           (Gandhi)
“Benvenuti a bordo della nave della vostra vita, è il vostro Capitano del Cuore che vi parla. Siete disposti ad intraprendere il viaggio più bello e avventuroso che si chiama vita? Oggi è una bella giornata di sole, i venti sono deboli, il mare è calmo… vi avviso non sarà sempre così… potremmo andare incontro a tempeste e uragani, ma se siete arrivati fin qui un motivo c’è, che lo sentiate o no e comunque sappiate che dovrete prendervi, sempre in ogni momento, le vostre responsabilità per quello che succederà……e vi assicuro che quello che troverete è qualcosa di impagabile e prezioso: scoprirete la vostra isola: voi stessi”.
Sono appena salita sulla barca, mi sento serena, ma un istante dopo vengo assalita da un dubbio “Avrò portato con me tutto quello che mi serve?” ed in un attimo, mi ritrovo a ripercorrere tutta la mia vita. Guardo il mio zaino, è bello pesante, teoricamente non mi dovrei essere dimenticata nulla, ma poi mi sorprendo a ripensare : “Che sta dicendo costui? Chi è e che cosa vuole? Perché mi chiede se sono pronta ad intraprendere questo viaggio? A quali responsabilità si riferisce? Continuamente io mi prendo delle responsabilità!” . Li per lì mi sento un po’ infastidita, ma poi mi distraggo, guardando attorno, ed osservando il bellissimo cielo azzurro, alcuni gabbiani che passano in volo emettendo le loro grida rauche, e una leggera brezza di mare che mi accarezza la pelle… Come si fa ad infastidirsi con questo meraviglioso scenario? Ed inizio a sentirmi felice, senza nessun perché, semplicemente sentendomi essere. Mi lascio andare a questo sentimento… ora la nave ha staccato gli ormeggi e sta prendendo il largo. Ho cominciato ad intraprendere questo meraviglioso viaggio. Sono seduta sulla prua ed ammiro il mare, che man mano che la barca abbandona il porto, diventa sempre più blu. Percepisco che non sono sola, mi volto e scorgo altre persone sulla barca. Non ci conosciamo, ma hanno tutti, non so perché un’aria familiare. Alcuni di loro mi sembra addirittura di averli già conosciuti. Ci lanciamo dei sorrisi di complicità. Le loro voci mi suonano melodiose e le percepisco vicino a me, anche se mi trovo seduta un po’ distante da loro. La loro presenza mi dà benessere e serenità.              
Chiudo gli occhi. Il Capitano del Cuore parla di nuovo “ Se non scoprite chi siete veramente, rischiate di vivere una vita senza soddisfazioni. Avete bisogno di capire quale è la convinzione che supporta la vostra attuale identità, in modo da ottenere informazioni sulla vita che volete. Arriva un momento in cui ogni cellula del corpo vuole farci vivere un salto di qualità nella vita e questo presuppone conoscere lo scopo della nostra esistenza. L’evoluzione è un processo naturale insito nel nostro DNA. Ogni tre mesi il nostro corpo cambia completamente tutte le sue cellule. Se la nostra natura vuole cambiare e la mente no, si genera sofferenza, perché la nostra natura è nel cambiamento… L’unica vita che voi dovete vivere è la vostra, questo non presuppone che voi non possiate vivere un’altra vita, e che voi possiate non sapere qual è la vostra, ma il prezzo da pagare è una continua sofferenza e un senso di insoddisfazione permanente. Non è detto che quello che voi credete di essere sia quello che voi volete veramente, ma avete un solo modo per scoprirlo, lasciarvi guidare dal vostro cuore…” .
     Queste parole mi suonano belle, anche se mi creano una lieve confusione…, non le capisco pienamente, eppure l’emozione che mi comunicano è un senso di leggerezza e di elevazione… Forse non devo pretendere di analizzarle con la mente, che ha bisogno per sua natura di giudicare; se invece mi limito a percepire la loro vibrazione mi sento non so perché proiettata in un’altra dimensione … … ….
Mi risveglio di soprassalto e mi trovo sopra un bel prato verde attorniata da cinque persone sorridenti e gioiose, siamo all’inizio del seminario Peak Performance Life di Chris Di Meo. Che meraviglia un mio sogno s’è avverato…"

cari lettori se vi piace quello che ho scritto commentate il post, per chi mi contatta per email mando in omaggio il primo capitolo del mio libro in collaborazione con Chris Di Meo!
Recensioni:http://www.velediluce.com/eventi/alessandra-cenci
www.scrittorevincente.com
http://www.dagolab.eu/public/LatinaOggi/Archivio/58a282b09fc4d90beecf/pag42zapping.pdf
www.harmonia-mundi.it/eventi/_la_vita_che_vuoi.php



venerdì 3 febbraio 2012

ORECCHIETTE ALLA ZUCCA, SALMONE E CAVOLO NERO


Foto e ricetta di Alessandra Cenci
Ingredienti per due persone: 200 grammi orecchiette, 600 grammi di zucca, 1 cavolo nero, 1 trancio di salmone fresco, uno spicchio d’aglio, olio d’oliva extravergine, prezzemolo, peperoncino, zafferano, un pizzico di sale marino integrale

Ecco una nuova gustosa ricetta per coccolarsi nelle fredde giornate invernali a base di salmone, cavolo nero, e zafferano, che hanno proprietà benefiche sul tono dell’ umore!
Mettere uno spicchio d’aglio a soffriggere delicatamente con un po’ di olio extra vergine d’oliva  in un kwok, con prezzemolo secco, e peperoncino secco. Aggiungere poco dopo la zucca sbucciata e tagliata a cubetti sottili, meglio ancora se sminuzzata con un frullatore, ed aggiungere il cavolo nero, lavato e tagliato a pezzettini. Durante gli ultimi cinque minuti di cottura aggiungere un trancio di salmone fresco tagliato a pezzi, in assenza di salmone fresco si può utilizzare quello affumicato. Se possibile utilizzate salmone selvaggio e non da allevamento, e soprattutto provenienti da mari aperti e molto ossigenati come l’Atlantico ed i mari che circondano la Scozia e l’Irlanda, perché le proprietà organolettiche sono migliori. A parte lessate le orecchiette. Una volta scolate per insaporirle ripassatele pochissimi minuti nel kwok insieme al resto. A questo punto si può aggiungere lo zafferano, che oltre a colorare le orecchiette di un giallo dorato arricchirà anche il vostro palato.
Proprietà della zucca gialla (Cucurbita maxima )
La zucca gialla è particolarmente ricca di caroteni e vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina C e di minerali come fosforo, potassio e magnesio, calcio e fibre. L’elevata presenza  dei carotenoidi la rendono un alimento efficace nella prevenzione delle patologie tumorali. Contiene una bassa percentuale di lipidi. E’ adatta per i diabetici e nelle diete dimagranti. Ha proprietà diuretiche, lassative e calmanti. I suoi semi hanno proprietà vermifughe e depurano i reni.
Proprietà del salmone
Il salmone è molto ricco di acidi grassi polinsaturi omega3, che sono indispensabili per il corretto funzionamento delle nostre membrane cellulari. Il salmone è ricco di vitamina D che oltre ad essere essenziale per l’assorbimento del calcio da parte dell’intestino e della sua fissazione nelle ossa è anche un importante precursore degli ormoni steroidei. Gli acidi grassi omega3 aiutano a produrre l’ormone serotonina, che aumenta il tono dell’umore. E’ ricco di vitamina b12, utile nel metabolismo dei carboidrati. Va tenuto presente che il salmone affumicato è eccessivamente ricco di sodio.
Proprietà del cavolo nero
Ricco di vitamina C, acido folico, e come tutte le crucifere, la famiglia alla quale appartengono tutti i cavoli sono anche molto ricchi di composti solforati noti per le loro proprietà antitumorali. Le foglie prevengono disturbi gastrointestinali nelle infezioni causate da parassiti gastrointestinali.