domenica 17 ottobre 2010

GRANO SARACENO ALLA ZUCCA E RADICCHIO TREVIGIANO

Ricetta e Foto di Alessandra Cenci


Ingredienti per 2 persone:
100 grammi di grano saraceno, 600 grammi di zucca, 200 grammi di radicchio, 1 porro o al suo posto una cipolla scalogno, olio extra vergine di oliva, prezzemolo secco, peperoncino, paprika dolce, sale

Niente paura, perché nonostante il nome, il grano saraceno non è una cereale, ma una polygonacea, ed è completamente privo di glutine, per cui è adatto alla alimentazione dei celiaci. Per essere utilizzati nell’alimentazione umana i chicchi devono essere decorticati.
Il grano saraceno non ha bisogno di ammollo preventivo, ma necessita comunque di un lavaggio e poi si può direttamente mettere a cuocere in una terrina di terracotta con il doppio dell’acqua in volume per circa una ventina di minuti. Nel frattempo, occorre tagliare a pezzettini il porro, solo la parte bianca in basso senza la radice o la cipolla e metterlo a soffriggere delicatamente a parte con un po’ di olio extra vergine d’oliva in un kwok, con prezzemolo secco, e peperoncino. Aggiungere poco dopo la zucca sbucciata e tagliata a cubetti e se possibile resa quasi una polpa con il frullatore, e dieci minuti dopo aggiungere il radicchio lavato e sminuzzato e farli cuocere a fuoco lento con il coperchio. Controllarli nella cottura e girarli di tanto in tanto. A cottura quasi ultimata aggiungere un velo di paprika in polvere. Terminare la cottura dei vegetali e del grano saraceno unendoli insieme nel kwok per gli ultimi cinque minuti. Servire a tavola.

Proprietà del grano saraceno (Fagopyrum esculentum)
Come accennato sopra il grano saraceno non è un cereale ma una polygonacea, per cui è privo di glutine e adatto ai celiaci ed agli intolleranti al glutine. La pianta è originaria dell’Asia ed è stata introdotta in Europa dai turchi nel medioevo. Il grano saraceno, anche dopo la macinazione, conserva un amido particolare a più lenta digestione, motivo per il quale è indicato anche nella dieta dei diabetici. E’ ricco di minerali, soprattutto ferro e magnesio e vitamine del gruppo B e vitamina E. E’ molto ricco di proteine e contiene una buona quantità di aminoacidi essenziali come la lisina, assente nei cereali, ed il triptofano. Il valore nutritivo delle sue proteine è paragonabile a quello della carne e della soia. La sua farina contiene la rutina che protegge i vasi sanguigni. Ha anche una azione antiemorragica. E’ utile nell’accrescimento, nelle astenie e durante l’allattamento.
Proprietà della zucca gialla (Cucurbita maxima )
La zucca gialla è particolarmente ricca di caroteni e vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina C e di minerali come fosforo, potassio e magnesio, calcio e fibre. L’elevata presenza dei carotenoidi la rendono un alimento efficace nella prevenzione delle patologie tumorali. Contiene una bassa percentuale di lipidi. E’ adatta per i diabetici e nelle diete dimagranti. Ha proprietà diuretiche, lassative e calmanti. I suoi semi hanno proprietà vermifughe e depurano i reni.

Proprietà del radicchio trevigiano (Cychorium Intybus)
Ha un elevato potere depurativo del sangue. E’ molto ricco di sali minerali, di antocianine, di vitamine del gruppo B, A e C. Facilita la digestione, la funzione epatica e stimola la secrezione biliare. Le sue fibre gli conferiscono proprietà lassative.

Da: http://www.nuovaterrasrl.it
http://www.montagnadilombardia.com/ricette/saraceno.html
http://www.my-personaltrainer.it/tabelle-nutrizionali/ZUCCA-GIALLA.htm
http://www.alimentipedia.it/Verdura/Verdura_radicchio_tardivo.html

3 commenti:

  1. Ricetta fantastica, descrizione delle proprietà degli ingredienti molto interessante, che dire? Da seguire tutti i consigli riportati. Ciao

    RispondiElimina
  2. Complimenti!
    Il blog e' fantastico! Nonn vedo l'ora di cimentarmi in una delle ricette.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Naturalmente grande, è veramente sano ed utile viaggiare nel tuo blog.
    Non vedo l'ora di mettre alla prova queste gustose ricette.
    Poi ti farò sapere del sicuro successo a meno che il mio intervento non rovini tutto.
    E se diventerò bravo nel metterle in pratica forse riuscirò a guarire anche il mio colesterolo e tornare naturalmente sano.
    Ancora complimenti.
    A presto.
    Davide

    RispondiElimina